Lun - Sab : 09:00 - 21:00
pressione intraoculare
INFORMAZIONI

La pressione oculare è determinata dall'equilibrio tra la produzione ed il drenaggio dei liquidi all'interno dell'occhio.

Il metodo utilizzato per quantificarla è chiamato tonometria, che esprime la misura in millimetri di mercurio (mmHg). Per la corretta funzione dell'occhio e delle sue strutture, è molto importante mantenere la pressione intraoculare entro valori compresi tra 10 e 21 mmHg.

Il mantenimento della pressione entro questo range fisiologico è necessario per conservare le condizioni anatomiche ottimali per la rifrazione, quindi per permettere una corretta visione.

Dal punto di vista fisiologico, infatti, la pressione intraoculare concorre a rendere stabile la forma del bulbo oculare e lo protegge da deformazioni che potrebbero essere causate dal peso delle palpebre e dal tono dei muscoli extraoculari. Inoltre, impedisce la formazione di gonfiori, mediante il drenaggio ed il ritorno alla circolazione sanguigna dei liquidi contenenti i metaboliti di scarto.

Diversi fattori possono influenzare transitoriamente il livello pressorio, come la deviazione diurna, la frequenza cardiaca, il consumo di alcol e caffeina, l'esercizio fisico e l'assunzione di liquidi o di alcuni farmaci sistemici e topici. Un'alterazione patologica della pressione oculare, invece, può avere conseguenze spiacevoli per la funzione visiva e può verificarsi senza che il paziente ne sia consapevole.

L'elevata pressione all'interno dell'occhio è un importante indicatore nella valutazione del glaucoma, di cui costituisce un fattore di rischio.

Questa malattia oculare, in genere, non causa dolore o particolari sintomi, ma produce alterazioni caratteristiche al nervo ottico e alle cellule neurali presenti nella retina.

Se il glaucoma continua a progredire e non viene adeguatamente trattato, può influenzare la visione periferica e provocare danni irreversibili al nervo ottico, che possono condurre alla cecità.

Nella maggior parte dei casi, la pressione è dannosa quando maggiore di 21 mmHg, ma alcuni pazienti possono subire conseguenze negative a pressioni intraoculari più basse (glaucoma normoteso). Al contrario, alcune persone possono tollerare livelli pressori superiori al normale senza riportare danni al nervo ottico o perdita del campo visivo (ipertensione oculare).

Per ogni domanda chiamateci al numero +39 095 448318
DOTT. LUIGI CONSOLI - oculista

40, Viale Xx Settembre - 95128 Catania (CT) - Italia
Tel. +39 095 448318 | +39 360 968495 | famconsoli@yahoo.it

P.I. 05441270872 | Privacy Policy e Cookie Policy